logo alto
logo basso
22 settembre 2017
   
     
  Noi lo chiamiamo scempio, loro lo chiamano sviluppo sostenibile....  
spacer
     
 

Ecco alcune foto aeree che testimoniano lo scempio compiuto sul nostro territorio dall'attività estrattiva condotta dal cementificio Holcim Italia di Merone. A questo disastro si aggiunge l'inquinamento prodotto dall'impianto che dal 1982 utilizza come combustibile anche i rifiuti industriali.

Panoramica (scala 1:60000)

 

Dettaglio della cava di Costamasnaga (LC), scala 1:6000



Dettaglio della cava di Cesana Brianza (LC), scala 1:15000

La cementeria, scala 1:6000

Il gruppo svizzero Holcim ha acquisito nel 2004 la Eurofuels di Tradate (VA), ditta specializzata nel recupero di una vasta gamma di residui industriali liquidi e solidi anche tossici, per esempio: acque da depurazione chimico-fisica e biologica, terre, fanghi e morchie, acidi e basi, farmaci scaduti e in generale, tutti i residui che derivano dai processi produttivi della piccola, media e grande industria, i quali vengono utilizzati come combustibile nei cementifici Holcim.

Non è nemmeno un caso che un poliedrico dirigente di Holcim figura contemporaneamente nell'organigramma di Eurofuels, dell'AIGET, (Associazione Italiana di Grossisti di Energia e Trader) e pure in quello di MORANO ENERGIA (Gruppo EGL - Gruppo HOLCIM).

Perchè dovremmo fidarci delle dichiarazioni "ambientaliste" dell'azienda?

In altri paesi, come ad esempio gli USA, sono noti ed evidenti gli effetti nocivi sull'ambiente e la salute prodotti dai cementifici Holcim: nel 1997 le autorità del Texas hanno dichiarato che la Holcim non ha installato i dispositivi previsti al momento dell’approvazione, ha effettuato cambiamenti che hanno fatto aumentare l’inquinamento e ha mentito sulle emissioni nelle sue relazioni per nove anni. Le autorità del Texas hanno definito la Holcim un “high priority violator/significant non-complier”, altamente inadempiente e responsabile di violazioni di priorità alta.
(vedi articolo: Holcim USA)

Per Holcim Italia dunque si profila un enorme affare, da condurre come sempre in nome dello "sviluppo sostenibile". Nei fatti si sta consumando l'ennesimo scempio cui ci opponiamo e ci opporremo con determinazione, in difesa della nostra salute e del nostro territorio.

 
Torna all'inizio        
 
sfondocolonna © 2004 - 2017 - Rete Donne Brianza - All rights reserved