logo alto
logo basso
29 maggio 2017
   
     
  Il Piano dei Rifiuti della Provincia di Como  
spacer
     
 
LA STORIA: 2004-2007

Rete Donne Brianza nasce come movimento nel maggio 2004 per dare voce alla forte opposizione dei cittadini della Brianza al Piano dei Rifiuti della Provincia di Como, che apre la strada ad un aumento massiccio dei rifiuti destinati ad essere bruciati nei forni della Holcim Italia SpA di Merone.

Nel maggio del 2004 Rete Donne Brianza lancia una petizione popolare rivolta all’amministrazione provinciale e ai sindaci di oltre 30 comuni situati nel raggio di 5 km dal cementificio e nel giro di pochi mesi raccolse 10.000 firme, di cui oltre ottocento a Merone. Vengono presentate decine di osservazioni al Piano dei Rifiuti, da parte di amministrazioni comunali, gruppi ambientalisti, gruppi di cittadini. Nel novembre 2004 il Piano viene approvato, ma con un emendamento, in cui si accenna alla possibilità di controlli da effettuarsi da parte di enti terzi. E' un primo, piccolo risultato.

Nel dicembre 2006, però, non convinta, la Regione Lombardia chiede un supplemento di istruttoria su aspetti specifici, (Piano rifiuti speciali, localizzazione impianti, Valutazione Direttiva habitat 92/43/CEE e Direttiva Uccelli 79/409/CEE, Valutazione ambientale strategica (VAS)

L’istruttoria si conclude con una nuova approvazione del Piano in Provincia il 13.11.2006. Il Piano resta sostanzialmente inalterato nella sua impostazione di base (convenzioni con le aziende private per lo smaltimento dei rifiuti urbani).

RDB, altre assocaizoni e alcune amministrazioni comunali presentano quindi nuove osservazioni. Poi il piano viene congelato (ad aprile 2007 ci sono le elezioni provinciali), ma è di fatto eseguibile.

 
 
 
sfondocolonna © 2004 - 2017 - Rete Donne Brianza - All rights reserved